viaggiareconlozaino

Pettah, il quartiere del commercio a Colombo in Sri Lanka

Se vi trovate alla stazione di Colombo Fort non mancate di fare due passi nel quartiere di Pettah, dove nelle sue strade una moltitudine di venditori ambulanti e negozi vi faranno assaporare il piccolo commercio popolare di Colombo.

In ogni via potrete trovare solo un tipo di commercio, quindi troverete la via per le gioiellerie, quella dei vestiti, quella delle farmacie, quella dei fiori e via dicendo e se andrete a qualsiasi ora del giorno le vie saranno piene di acquirenti e venditori che urleranno a squarciagola.

Bello inoltre sarà vedere come le 4 religioni presenti in Sri Lanka sono presenti nel groviglio delle strade. Camminando troverete la Moschea Jami Ul Alfar, templi Indu’, Chiese Cristiane e Templi Buddisti.

Advertisements

Fort, il quartiere da visitare a Colombo in Sri Lanka

Il Centro di Colombo denominato Fort prende il nome dal forte costruito dai portoghesi, successivamente ampliato dagli olandesi ed infine nel XIX secolo demolito durante il dominio. britannico. Adesso il quartiere presenta il centro finanziario, gli edifici governativi e la casa presidenziale. Molte zone sono off limits per i turisti al fine di preservare la sicurezza degli uffici governativi inoltre troverete molti militari.

Passeggiando per le vie del quartiere si scorgono grossi grattacieli moderni in mezzo alle tipiche costruzioni di stampo olandese a mattoncini rossi.

Numerosi sono i negozi, gli alberghi e i ristoranti, tra questi non mancate di bere un the’ accompagnato da dolcetti alla PagodaGreenCabin, in un atmosfera di altri tempi, dove i Duran Duran, noto complesso inglese, giro’ il video di Hungry Like the wolf negli anni 80.

potrete vedere anche la torre dell’orologio al centro del quartiere, un tempo il faro costruito dagli inglesi durante il periodo coloniale.

Passeggiando ad Amanwella Beach in Sri Lanka

Ecco alcuni scatti che ho fatto con IPhone6s mentre stavo passeggiando con la mia compagna ad Amanwella beach, spiaggia selvaggia, posta nella costa sud dello Sri Lanka.

Puoi incontrare mucche sulla battigia, pescatori, barche tipiche cingalesi, un solo ristorante dove tra l’altro si mangia molto bene e cosa più bella, poca ma poca gente.

.

A dimenticavo nessun italiano a parte noi. Che bello 😍

Royal Forest Park Udawattakele. Kandy

Tre ore sono necessarie per visitare questo parco a pochi passi dal centro di kandy. Chi ama passeggiare nella natura e staccare dal caldo torrido e dal caos della città è il posto ideale Radici di alberi secolari passeggiando bellissimi frutti si scorgono sugli alberi la vista dell’isoletta del Re nel lago di Kandyil sentiero nel bosco il biglietto per due persone pagato 1322,50 Rupie

Hamad International airport. Doha

2 ore in aeroporto a Doha in piena notte. Aeroporto organizzatissimo, negozi aperti, puoi trovare di tutto, ma attenti, i prezzi sono alti, 2 the’ e due dolcetti, 16 US dollar😳.

Visitare la città antica di Anuradhapura con la bici

La visita alla città antica di Anuradhapura è senza dubbio il primo splendido luogo che abbiamo visitato durante la settimana trascorsa nel triangolo culturale.

Cartina procurata alla biglietteria

Data l’enorme estensione del sito, per altro completamente pianeggiante, abbiamo deciso di affittare la bicicletta che ci è stata portata direttamente alla guest house dove abbiamo soggiornato e che distava dalla città antica 3 km.

Il costo per ogni bicicletta è stato di 500 Rupie per l’intera giornata.

Altre soluzioni per visitare il sito potrebbero essere con il tuk tuk, ma sicuramente la bici lascia molta libertà alla visita e grazie alla guida cartacea ed una cartina del sito è un valido mezzo per visitarla.

Per entrare nella città vecchia ci sono tre entrate a seconda da dove si arriva. Noi arrivando da sud siamo entrati dal museo archeologico che tra l’altro era chiuso per ristrutturazione.

Biglietto di entrata

Il prezzo per entrare è di 25 US dollari a persona e vale per tutto il giorno. Un solo giorno non è sufficiente per vedere tutto il sito anche se si riescono a vedere i monumenti più importanti.

Dato che la città antica oltre a essere un luogo storico è anche un luogo sacro per i buddisti, la visita assume un particolare fascino quando si arriva nei templi o ad una stupa dove si assiste a centinaia di persone che con i doni o con i fiori in mano si dirigono a omaggiare il Buddha.

Viaggiare con il treno in Sri Lanka

Se vi piace provare l’emozione di un treno in Sri Lanka, troverete la linea ferroviaria che fa per voi, dato che le ferrovie si trovano in gran parte del paese da nord a sud e anche se un po’ lente, attraversano talvolta paesaggi con panorami tra i più belli del mondo.

Due treni si incrociano sulla linea Kandy – Ella

Esistono tre classi sui treni in Sri Lanka:

La prima classe con possibilità di avere carrozze comode e panoramiche, prenotabile in anticipo

La seconda classe con carrozze con sedili imbottiti, talvolta prenotabile

La terza classe con sedili meno imbottiti, molto affollata e non prenotabile

Scompartimento di terza classe sulla linea da Colombo a Badulla

Noi siamo saliti sul treno proveniente da Colombo alla stazione di Kandy e viaggiato con il treno espresso delle 8,47 in terza classe, sino ad Ella.

La fila alla stazione di Kandy per l’acquisto del biglietto di seconda classe

Considerate che avevamo acquistato un biglietto di seconda classe in stazione a 200 Rupie a testa la mattina stessa della partenza, perché non è possibile prenotare questo treno, ma per il gran numero di persone la seconda classe si è riempita immediatamente all’arrivo del treno, tanto da non riuscire a trovare il posto per salire, quindi abbiamo optato per la terza classe, iniziando il viaggio entrambi in piedi.

Attraversamento di un Ponte tra le piantagioni di the’ sulla linea tra Kandy e Ella

Dopo poche stazioni la mia compagna ha trovato posto a sedere mentre io mi sono seduto sul gradino della porta del treno, rigorosamente aperta, riuscendo a scattare foto spettacolari al paesaggio che stavamo attraversando.

È molto bello viaggiare sia con treno che con pullman locali in Sri Lanka, fai conoscenza con persone del posto, che tra l’altro parlano un buon inglese, fanno un sacco di domande desiderosi di sapere da dove vieni, che lavoro fai, ma nello stesso tempo ti danno anche un sacco di consigli utili per viaggiatori come noi, per avventurarsi senza guida in questo paese.

Il viaggio da Kandy a Ella dura circa 6 ore, ma posso dirvi che ne vale davvero la pena e il tempo passa in fretta soprattutto quando si entra nelle hills country dove le colline ricoperte da piantagioni di the’ fanno da cornice a panorami mozzafiato.

Nella foto il paese di Haputale visto dall’omonima stazione ferroviaria

Donna Tamil sul treno da Kandy a Ella

Da Galle a Colombo

Il secondo treno che abbiamo preso e’ partendo dalla Stazione di Galle, dove il tratto percorre la costa ovest dalla cittadina del Forte Olandese ed arriva alla stazione Colombo Fort.

Anche qua abbiamo viaggiato in terza classe e speso 100 Rupie a testa.

Se vorrete fare questa tratta cercate una porta a sinistra e sedetevi sullo scalino, perché si apriranno spiagge infinite tipiche di questa costa ed un oceano di mille colori prima di arrivare nella caotica Colombo.

Costa Ovest, in lontananza Colombo

Per molti come per noi, è stato l’ultimo viaggio con il treno in Sri Lanka, perché la notte abbiamo ripreso l’aereo per il rientro in Italia.

Per questo motivo potrà essere di vostro aiuto sapere che se arrivate a Colombo la in mattinata da Galle, sarà possibile lasciare il bagaglio al deposito bagagli presso la stazione di Colombo Fort e visitare, per il tempo che vi rimane, qualche quartiere della città di Colombo.

Il costo del bagaglio per l’intero giorno è di 60 Rupie ed il deposito bagagli apre la mattina presto e chiude alle 20,30.

Ingresso del deposito bagagli alla stazione di Colombo Fort

Il vostro bagaglio dovrete portarlo al piano di sopra e alloggiarlo in questi scomparti

Come arrivare all’aeroporto internazionale Bandaranaike dalla stazione dei treni di Colombo Fort

Stazione dei treni di Colombo Fort. Foto scattata dal sopra passaggio pedonale

L’aeroporto internazionale Bandaranaike dista trenta Km dalla stazione ferroviaria di ColomboFort, per cui se volete arrivare in aeroporto avrete 4 diverse soluzioni in base al vostro budget oppure alla vostra esigenza di partire.

Il tempo per arrivare va da 1 ora circa con il taxi e 1 ora e mezzo con il pulman di linea. Bisogna sempre considerare che molte volte il traffico congestionato di Colombo vi farà ritardare l’arrivo di 1 ora su quello previsto.

I costi sono i seguenti:

Taxi, 2500/3000 Rupie

Tuk tuk, 2000 Rupie

Pulmino con aria condizionata 300/400 Rupie

Pulman di linea n. 187, 100 Rupie

Per il taxi o tuk tuk nessun problema fate un indagine di mercato veloce con 2 o 3 diversi.

Nel caso opterete per il pulmino con aria condizionata, non troverete scritto da nessuna parte dove ferma, quindi considerate le mie indicazioni di seguito:

Fermata di fronte alle bancarelle

La fermata è più o meno davanti alla stazione ferroviaria di Colombo fort, dalla parte opposta della strada di fronte alle bancarelle. Per arrivarci prendete il sopra passaggio pedonale (uscendo dalla stazione a sinistra 100 metri ) che vi porterà dalla parte opposta della strada ed una volta scesi andate 50 metri a sinistra ed aspettate davanti alle bancarelle. Il pulmino con AC effettua un servizio di 24 ore.

Pullman 187 fermo davanti le bancarelle

Se optate per il pullman di linea n. 187, senza aria condizionata, parte della stazione dei pullman Mawatha nei pressi della stazione ferroviaria di Colombo Fort, il costo è di 100 Rupie con orario diurno molto frequente. Nel caso non vogliate andare alla stazione dei pullman potrete salire sul n. 187 dove ferma anche il pulmino con AC.

Buon ritorno a casa

Viaggiare in Sri Lanka solo con bus locali

Ho sentito molto parlare di viaggi in Sri Lanka affittando auto con autista, ed effettivamente nel nostro viaggio in questo paese ho visti molti turisti viaggiare così, dato però che noi abbiamo viaggiato solo con bus locali vi parlerò di questo e se sarete un po’ più intraprendenti, viaggiatori, desiderosi di conoscere la realtà locale, allora sarà proprio un bel viaggio dove incontrerete da vicino il popolo cingalese e molti viaggiatori stranieri, piu’ difficilmente troverete Italiani, per la nostra esperienza non ne abbiamo mai incontrati in bus.

Ci sono diverse categorie di bus in Sri Lanka.

Bus locali senza aria condizionata (AC), Bus con Ac, Minibus turistici con AC.

Il costo dei bus locali senza AC è il più basso e veramente irrisorio per noi occidentali, sono i bus che utilizzano i cingalesi ed hanno una capillarità altissima sull’intero territorio dello Sri Lanka e le tratte non sono mai lunghissime.

Questi sono i prezzi delle tratte che abbiamo utilizzato durante il viaggio.

Negombo – Anuradhapura 250 Rupie.

Anuradhapura – Dambulla 90 Rupie

Dambulla – Sigyria 30 Rupie

Dambulla – Candy 100 Rupie.

Ellla – Tangalle 200 Rupie

Tangalle – Dikwella 40 Rupie

Tangalle – Talalla 50 Rupie

Talalla – Galle 80 Rupie

Considerando che abbiamo avuto il cambio di 1 euro a 186 Rupie, il costo dei viaggi in pullman per 21 giorni è stato 840 Rupie a testa che equivalgono a 4,51 euro per ciascuno.

Gli altri spostamenti per una spesa di circa 2 euro sono stati in treno da Candy a Ella e da Galle a Colombo, come spiegherò nel racconto dei viaggi sui binari in Sri Lanka.

Alcune notizie sui bus senza aria condizionata che dovrete sapere prima di avventurarvi:

I bus viaggiano con entrambe le porte aperte per cui anche se fuori fa molto caldo all’interno del pullman non si soffre affatto la calura degli oltre 30 gradi esterni.

Non tutti i bus si recano alle stazioni, sopratutto quelli a più lunga percorrenza, come ad esempio da Colombo ad Anuradhapura, quindi se vorrete prenderli in una città intermedia come a Negombo dovrete attenderli alla fermata sulla strada di percorrenza (chiedete alla polizia che troverete per strada in città ).

Non sapendolo, noi ci siamo recati alla stazione dei pullman di Negombo e si sono dovuti prendere tre diversi pullman sino ad Anuradhapura.

Negombo – Cilaw

Cilaw – Puttalam

Puttalam – Anuradhapura

Alla fine abbiamo impiegato 1 ora in più rispetto al diretto Colombo- Anuradhapura

Il biglietto si fa sempre sull’autobus dopo la partenza e cercate sempre di farvelo stampare perché così sarete sicuri che pagherete la cifra esatta.

Lo zaino potrete metterlo di fianco al guidatore, se ha posto , altrimenti anche nel portabagagli, sempre gratuitamente.

Se salite sul pullman ancora vuoto non sedetevi mai nelle quattro poltroncine davanti per due motivi :

1 – nel caso in cui lungo il viaggio saliranno dei monaci dovrete lasciare loro il posto e se il pullman a quel punto sarà pieno (come di solito) rimarrete in piedi.

2 – rimarrete stupiti dalla guida dei conducente dei pullman.

Hanno un codice della strada tutto loro e li vedrete guidare più sulla corsia di sorpasso che sulla propria, ma tutti gli daranno la precedenza.

Meglio non guardare, ma qua funziona così.

Posizionatevi, potendo scegliere, lontano daile casse musicali perché dopo 2/3 ore di musica cingalese con tanto di video sarete pronti a cantare anche voi.

Con tutto questo non voglio scoraggiarvi , anzi spronare più persone a prendere i bus locali sia perché il budget è praticamente non rilevante ai fini del viaggio sia perché entrerete in contatto con il popolo cingalese molto dolce e curioso di interagire con voi.

Per noi è stata una fantastica esperienza

Da Ko Lanta a Ko Lipe

Prezzi a persona

1300 B via terra + nave 9 ore

1600 B con nave 6 ore

1900 B motoscafo 3 ore

Abbiamo optato per la traversata con nave a 1300 B.

La traversata tranquilla con motonave Fortune express 1 della compagnia tiger line, la nave di fabbricazione malese, un po’ datata, molto caldo nei posti passeggeri in coperta mentre nel piccolo ponte si può stare in circa 15 / 20 persone quasi tutti al sole ma con la brezza del mare e la vista di alcune bellissime isole dell’arcipelago di Trang dove facciamo scalo a prendere i passeggeri che devono scendere oppure salire. 

Durante la traversata oltre agli sbarchi in mare c’è uno sbarco ad un molo e riescono a salire un po’ di venditori locali con frutta, pollo fritto e bevande che sono presi d’assalto dai turisti affamati e accaldati compreso noi.


Dopo 5 ore circa arriviamo a Ko Lipe davanti a Pattaya Beach, bellissima spiaggia ma rovinata nel mare dalle decine di long tail boat e sulla terraferma da un’infinIta’ di ristoranti, hotel e discoteche.

Sicuramente il primo impatto dell’isola e’ deleterio per i miei gusti. Non è la Thailandia che amo.