Spiaggia

Isole Balabac, un arcipelago a Sud dell’isola di Palawan, proteso verso il Borneo Malese, ancora non molto frequentato. Ecco i motivi

Uno dei motivi che mi ha spinto a venire nelle Filippine ed in special modo a Palawan erano oltre ad El Nido anche le isole Balabac.

Se El Nido ormai è la metà più conosciuta e frequentata di Palawan, le isole Balabac al contrario sono ancora molto poco conosciute e tanto meno frequentate dai turisti.

Ecco i motivi per i quali le isole balabac sono ancora poco conosciute:

Il primo motiva, senza dubbio, è il difficile collegamento con il resto dell’isola di Palawan. Da Porto Princesa sono necessarie 4 ore di Van in una strada che presenta molte interruzioni, sino a Rio Tuba o aggiungendo un altra ora si arriva a Buliluyan, dove è possibile dal piccolo porto prendere una barca che con due corse giornaliere di circa 3/4 ore ti porta sulle isole principali.

Il secondo motivo è sicuramente la mancanza di strutture ricettive, infatti sulle isole non ci sono alberghi, solo nell’isola principale denominata Balabac ci sono due alberghetti nel paese di pescatori di Poblacion.

In altre isole ci sono dei camp molto spartani, come il nostro, dove abbiamo soggiornato nell’isola di Canabungan, non pensate però di trovare acqua ai rubinetti o energia elettrica. La sera comunque si potrà usufruire di 4/5 ore di generatore per ricaricare macchina fotografica e cellulare, quest’ultimo invece lo potrete usare solo se avrete acquistato una scheda telefonica globo.

Il terzo e’ legato a una cellula di terroristi islamici che hanno agito in questa area. Negli ultimi anni c’è però la presenza dell’esercito nazionale a vigilare e le uniche problematiche che ci sono state nelle 2 settimane precedenti al nostro arrivo è stato l’attentato alla chiesa cristiana nell’isola di Iolo, molto lontana dalle isole Balabac e dall’altra parte del mar di Sulu verso l’isola di Mindanao.

Per quanto ci riguarda, nonostante la popolazione sia in maggioranza musulmana, non abbiamo visto ostilità nei nostri confronti, nei rari casi in cui abbiamo avuto a che fare con la popolazione locale.

Nella foto ci sono dei locali al porto di Buliluyan che scaricano da una barca provenite dalle isole Balabac dei sacchi contenenti l’alga agar agar.

Il quarto, la possibilità di contrarre la malaria. Sicuramente maggiormente presente nelle zone interne dell’isola di Balabac e in momenti dell’anno più piovosi.

Se il nostro intento era di voler usufruire di mezzi pubblici per arrivare alle Balabac, questo non è stato possibile con le poche informazioni trovate su Internet e ci siamo dovuto affidare all’unica agenzia che riporta la Lonely Planet parlando del sud di Palawan.

Abbiamo optato per un tour 2D/2N, che prevedeva 2 giorni di island hopping e 2 notti presso il camp sull’isola di Canabungan.

Nella foto il nostro Camp nell’isola di Canabungan

Altra cosa da tenere di conto volendo visitare la isole Balabac è il clima. Sicuramente Febbraio è buono perché non piove mai ma il vento talvolta è molto forte per cui dovendo fare molta barca è sconsigliato a chi soffre di mare. Maggio e Giugno sono sicuramente i mesi migliori.

Port Barton, meta ideale per i backpackers

Il Villaggio di Port Barton si trova nella provincia di San Vicente, a 4 ore di strada a sud da El Nido (500 php a persona in Van) e 2,5 ore a nord di Porto Princesa (300 php a persona in Van) Dal bivio, sulla strada El Nido-Porto Princesa sino a Port Barton la strada è ancora in fase di esecuzione per cui il turismo è mediamente sviluppato e non è paragonabile a quello di El Nido sia in termini di presenze che di qualità delle strutture ricettive.

Una delle poche strade cementate è quella di ingresso al paese che parte dalla stazione dei pullman, dove per entrare si dovrà pagare una tassa di 50 php.

In paese si respira un’ aria tranquilla, le strade di sabbia dividono in quadrati il paese, ai lati delle strade si trovano le abitazioni dei locali, le tante guest house e affittacamere in locali molto semplici.

I ristoranti si trovano un po’ per tutti i gusti, sparsi qua e là nel paese, da quelli vegani, ai vegetariani a quelli di pesce e cucina filippina e preparano sia la prima colazione, il pranzo e la cena.

Per la prima colazione se non è inclusa nella vostra camera vi consiglio il Mabuti eat & chill dove ci sarà l’imbarazzo della scelta veramente per tutti i gusti.

Il nostro preferito per la cena invece è Olive Crib, sia per le porzioni molto abbondanti che per l’ottimo pesce fresco cucinato in più modi. Spendendo non più di 10 euro a persona, ti alzi che sei sazio.

Sull’unica spiaggia di sabbia bianca con le tipiche palme da cocco, dove la riva degrada lentamente verso il mare, sara’ piacevole entrare in acqua senza nessuna difficoltà inoltre il mare sarà spesso molto calmo trovandosi Port Barton su una grande insenatura.

Di fronte alla spiaggia si trovano ormeggiate le tante barche che la mattina entro le 9 partono per i vari tour nelle isole e barriere coralline; molte sono anche le guest house e “piccoli resort” con annessi bar e ristoranti, costruiti in legno ed alcuni bar in stile jamaicano.

Vi consiglio anche di soggiornare in un bungalow sulla spiaggia come abbiamo fatto noi al Deep Moon. Ci Sono bungalow sia nel giardino che fronte mare a prezzi molto economici per lo standard europeo, certo non pensare di avere acqua calda ma il relax è sicuro.

L’aria che si respira in paese e sulla spiaggia ha una chimica particolare, sarà anche per la presenza di tanti BackPackers ed alternativi globe-trotter di tutte le età che la frequentano e provenienti da tutto il mondo. La musica è presente un po’ ovunque nel villaggio e camminando sulla spiaggia puoi trovare una tipa che suona un ukulele o qualcuno con la chitarra.

La sera invece il ritrovo per tutti con una bottiglia di San Miguel o Red Horse (birre locali) è ad aspettare il tramonto in spiaggia.

Sibaltan, una meta ancora per pochi a Palawan

Situata a nord sulla costa est di Palawan e a circa un’ora di Van da El Nido.

Sibaltan è stata la nostra prima località di Palawan dove abbiamo trascorso 3 notti presso il Dakila Cabins situato in collina, nel bel mezzo della vegetazione selvaggia con una vista fantastica sul mare e sulle isole circostanti.

Il paese abitato da pescatori e adesso anche persone che lavorano nelle poche strutture turistiche, è molto piccolo.

Sulla spiaggia oltre al diving Sibaltan si trovano alcune strutture con tende, bungalow e ristorante come Ursula, Tapik e altre.

Per arrivare al mare dal Dakila cabins occorrono 10 minuti a piedi.

Durante il giorno con bassa marea si potrà fare il bagno camminando un po’ verso il mare mentre sarà possibile affittare un kajak e pagaiando per una mezz’ora arrivare nell’isoletta deserta denomInata Bubog dove si potrà prendere il sole sulla spiaggetta o fare snorkelling, proprio qua durante lo snorkelling ho visto un anemone di mare con famiglia di clown fish.

A Sibaltan si può anche prenotare tutti i tour di El Nido e fate alcuni tour a Linapacan.

Noi abbiamo fatto il tour Linapacan A con Ursula beach club. Lo Snorkelling è stato spettacolare presso la barriera di shark island e successivo pranzo sulla spiaggia bianca e deserta nell’isola di Maoson.

Consiglio Sibaltan a coloro che nelle proprie vacanze vorranno veramente staccare la spina e ritrovare se stessi in un ambiente ancora lontano dallo sviluppo turistico di El Nido o Coron.

Maquinit hot springs, a 20 minuti da Coron Town

A 20 minuti di scooter da Coron town in direzione nord, su strada sterrata e oltrepassato il porto si trovano le Maquinit hot springs, sorgenti di acqua calda a due passi dal mare dove tra la vegetazione lussureggiante si trova un laghetto con acqua da 38 a 41 gradi centigradi.

Il momento migliore per visitarle con una perfetta tranquillità è il pomeriggio prima dell’arrivo dei turisti che hanno appena concluso i vari tour di Coron island, oltre a questo l’acqua sarà un po’ meno calda che nelle ore centrali della giornata.

Il relax sarà assicurato.

Se dopo il relax vorrete continuare il percorso della strada verso nord arriverete ad un bel punto panoramico davanti a Siete pecados per scattare una bella foto.

Continuando invece potrete arrivare alla spiaggia di Cabo Beach, che non sarà niente di speciale ma dove potrete entrare con 50 pesos e fare il bagno in un mare trasparente, cosa che non troverete a Coron Town.

Trekking nel Parco della Maremma, Itinerario “Collecchio”

Il trekking “Collecchio” è costituito da due itinerari, C1 e C2, che partono entrambi dalla Tenuta dell’Uccellina ai bordi del Parco Regionale della Maremma.

Sia il C1 che il C2 hanno entrambi un tratto in comune, poi il C1 prolunga sino alla spiaggia detta Salto del Cervo.

L’inizio del trekking presso il podere Giulia attraversa un Oliveto sino ad arrivare ad una scala in legno che oltrepassa una recinzione (foto)

ed entra nel bosco sino alla TorreBassa .

Primo tratto Podere Giulia – Torre Bassa km 0,950

La Torre Bassa, un rudere, fu edificata dalla famiglia degli Aldobrandeschi nel 1200, oggi appare depredata dei blocchi di pietra che costituivano l’arco del portone principale, e’ rifugio di molti corvi e cimitero di due cani seppelliti recentemente nei pressi della Torre.

Si prosegue nel bosco per 180 metri sino al bivio della Torre dove continuiamo nel bosco sino alle VascheD’Argilla (km 1,350 )

Dalle Vasche D’Argilla, terreni umidi argillosi dove i cinghiali amano sguazzare per la pulizia del pelo, si prosegue verso Poggio alle Sugherine (km 0,610).

Questo tracciato, non molto lungo, presenta un sentiero in salita mettendo a dura prova il vostro fisico, ma arrivati in cima e salendo su una torretta in legno (foto)

si gode di una vista sulla costa e sulle isole dell’arcipelago Toscano che vi lasceranno a bocca aperta.

Ripartite dal Poggio alle Sugherine in discesa costeggiando sulla sinistra un tratto di bosco ceduo appena tagliato ( non è il massimo attraversare il bosco tagliato nei primi tempi, ma per il bosco questa pratica risulta fondamentale) si arriva alla Carbonaia (km 1,150).

Dalla Carbonaia potrete o ritornare al bivio della Torre (km 1,960) e chiudere il trekking C2 oppure (consigliato) proseguire il C1 ed arrivare con ancora km 1,850 sino alla spiaggia del Salto del Cervo.

L’ultimo tratto, prima della spiaggia, tra piante di rosmarino, ginepro, erica etcc. è un susseguirsi di profumi e panorami mozzafiato sulla costa. (foto)

La spiaggia è incastonata tra due scogliere, molto selvaggia, deserta, le mareggiate primaverili e le mancate manutenzioni, dato l’isolamento, hanno accumulato legna proveniente dal mare, ma quello che risalta all’occhio e’ la plastica che si è riversata sulla spiaggia durante le mareggiate.

Noi abbiamo raccolto la plastica sui 2 mq di spiaggia che abbiamo occupato, raccogliendo tutte le micro e macro plastiche e portandole nello zaino per tutto il trekking di ritorno.

Dato che negli ultimi tempi si sente molto parlare dell’avvelenamento del mare da parte delle micro plastiche, mi sento di suggerire alla Direzione del Parco di mettere un cartello nei pressi della spiaggia, prima della discesa finale dove possono arrivare i mezzi del parco, offrendo alle persone che arrivano con il trekking, un sacchetto da riempire di plastiche e lasciare il sacchetto nello stesso posto dove lo hanno trovato.

Credo che il mare ed il parco ne sarebbero molto grati.

Passeggiando ad Amanwella Beach in Sri Lanka

Ecco alcuni scatti che ho fatto con IPhone6s mentre stavo passeggiando con la mia compagna ad Amanwella beach, spiaggia selvaggia, posta nella costa sud dello Sri Lanka.

Puoi incontrare mucche sulla battigia, pescatori, barche tipiche cingalesi, un solo ristorante dove tra l’altro si mangia molto bene e cosa più bella, poca ma poca gente.

.

A dimenticavo nessun italiano a parte noi. Che bello 😍

Viaggiare in Sri Lanka solo con bus locali

Ho sentito molto parlare di viaggi in Sri Lanka affittando auto con autista, ed effettivamente nel nostro viaggio in questo paese ho visti molti turisti viaggiare così, dato però che noi abbiamo viaggiato solo con bus locali vi parlerò di questo e se vi sentirete più dei viaggiatori intraprendenti e desiderosi di conoscere la realtà locale, allora sarà proprio un bel viaggio, dove incontrerete da vicino il popolo cingalese e molti viaggiatori stranieri, piu’ difficilmente troverete Italiani, per la nostra esperienza non ne abbiamo mai incontrati in bus.

Ci sono diverse categorie di bus in Sri Lanka.

Bus locali senza aria condizionata (AC), Bus con Ac, Minibus turistici con AC.

Il costo dei bus locali senza AC è il più basso e veramente irrisorio per noi occidentali, sono i bus che utilizzano i cingalesi ed hanno una capillarità altissima sull’intero territorio dello Sri Lanka e le tratte non sono mai lunghissime.

Questi sono i prezzi delle tratte che abbiamo utilizzato durante il viaggio.

Negombo – Anuradhapura 250 Rupie.

Anuradhapura – Dambulla 90 Rupie

Dambulla – Sigyria 30 Rupie

Dambulla – Candy 100 Rupie.

Ellla – Tangalle 200 Rupie

Tangalle – Dikwella 40 Rupie

Tangalle – Talalla 50 Rupie

Talalla – Galle 80 Rupie

Considerando che abbiamo avuto il cambio di 1 euro a 186 Rupie, il costo dei viaggi in pullman per 21 giorni è stato 840 Rupie a testa che equivalgono a 4,51 euro per ciascuno.

Gli altri spostamenti per una spesa di circa 2 euro sono stati in treno da Candy a Ella e da Galle a Colombo, come spiegherò nel racconto dei viaggi sui binari in Sri Lanka.

Alcune notizie sui bus senza aria condizionata che dovrete sapere prima di avventurarvi:

I bus viaggiano con entrambe le porte aperte per cui anche se fuori fa molto caldo all’interno del pullman non si soffre affatto la calura degli oltre 30 gradi esterni.

Non tutti i bus si recano alle stazioni, sopratutto quelli a più lunga percorrenza, come ad esempio da Colombo ad Anuradhapura, quindi se vorrete prenderli in una città intermedia come a Negombo dovrete attenderli alla fermata sulla strada di percorrenza (chiedete alla polizia che troverete per strada in città ).

Non sapendolo, noi ci siamo recati alla stazione dei pullman di Negombo e si sono dovuti prendere tre diversi pullman sino ad Anuradhapura.

Negombo – Cilaw

Cilaw – Puttalam

Puttalam – Anuradhapura

Alla fine abbiamo impiegato 1 ora in più rispetto al diretto Colombo- Anuradhapura. Ma lo spettacolo della gente ha ripagato ampiamente l’ora di viaggio in più.

Il biglietto si fa sempre sull’autobus dopo la partenza e cercate sempre di farvelo stampare perché così sarete sicuri che pagherete la cifra esatta.

Lo zaino potrete metterlo di fianco al guidatore, se ha posto , altrimenti anche nel portabagagli, sempre gratuitamente.

Se salite sul pullman ancora vuoto non sedetevi mai nelle quattro poltroncine davanti per due motivi :

1 – nel caso in cui lungo il viaggio saliranno dei monaci dovrete lasciare loro il posto e se il pullman a quel punto sarà pieno (come di solito) rimarrete in piedi.

2 – rimarrete stupiti dalla guida dei conducente dei pullman.

Hanno un codice della strada tutto loro e li vedrete guidare più sulla corsia di sorpasso che sulla propria, ma tutti gli daranno la precedenza.

Meglio non guardare, ma qua funziona così.

Posizionatevi, potendo scegliere, lontano daile casse musicali perché dopo 2/3 ore di musica cingalese con tanto di video sarete pronti a cantare anche voi.

Con tutto questo non voglio scoraggiarvi , anzi spronare più persone a prendere i bus locali sia perché il budget è praticamente non rilevante ai fini del viaggio sia perché entrerete in contatto con il popolo cingalese molto dolce e curioso di interagire con voi.

Per noi è stata una fantastica esperienza

Le due spiagge dove abbiamo scelto di goderci la pace dell’oceano indiano nella costa sud in Sri Lanka

Tipica imbarcazione da pesca cingalese

Da una lettura della nostra guida (lonelyplanetsrilanka) e la possibilità del nostro tour di tre settimane di visitare oltre al triangolo culturale e le hills country (ne parleremo nei prossimi articoli) anche una sola costa per 7 giorni.

Abbiamo optato per la costa sud, in due spiagge poco frequentate e tranquille, come nostro solito, tralasciando invece quelle molto frequentate come Mirissa o molto cementate come Unawatuna.

Le due spiagge sono Amanwella beach e Thalalle beach

Amanwella beach situata a 3 km a ovest di Tangalle è la tipica spiaggia da cartolina dei mari del sud. Palme da cocco, sabbia dorata, nessuna attività di rilievo che dia fastidio alla quiete e all’occhio (c’è un resort ben inserito da 1000 US dollari a notte all’interno della vegetazione) per non parlare della gente che la frequenta, poca e silenziosa.

Sulla spiaggia ci sono pochi lettini in legno sotto ombrelloni con foglie di palma dove puoi sdraiarti e consumare un fruit juice a 250 Rupie o bere acqua di cocco per 150 Rupie . Nella parte a ovest della spiaggia tra la vegetazione lussureggiante c’è un piccolo ristorante, poco visibile, aperto sia a pranzo che a cena.

L’acqua del mare è trasparente con sfumature dal blu al verde, e per fare il bagno è preferibile immergersi ai lati dove il mare presenta onde più piccole e basse correnti non pericolose.

La spiaggia non è adatta a famiglie con bambini perché l’acqua è profonda nei primi metri e la spiaggia degrada in maniera veloce verso il mare.

Thalalle beach

Thalalle beach situata 14 km a est di Matara è una spiaggia di circa 2 km selvaggia, molto spaziosa, acqua limpidissima e la principale caratteristica di questa spiaggia è che degrada lentamente verso il mare, per cui l’acqua si presenta molto bassa nei primi 50 metri adatta a bambini piccoli.

Anche questa spiaggia non è molto frequentata anzi essendo molto più lunga e larga di Amanwellabeach le persone che la frequentano (moltissimi europei del nord, ma nessun Italiano) non si vedono proprio.

Sarà facile trovare una mucca passeggiare in spiaggia

Qua e la’ ci sono ombrelloni con lettini e vale lo stesso discorso per le spiagge srilankesi dove basta consumare una bevanda o un pasto per potersi sedere I o sdraiare. Onestamente nel resto del mondo che ho visitato, ho sempre visto questa usanza e solo in Italia è necessario pagare per sdraiarsi su lettino o sdraio in spiaggia.

Piu’ o meno a metà spiaggia si trova un ristorante, il Sunbuy Lanka, molto caratteristico, le basi a terra del ristorante sono due imbarcazioni tipiche srilankesi e la copertura a capanna e con foglie di palma.

Sunbuy Lanka restaurant

Il cibo è delizioso, chiedete sempre pesce fresco, noi abbiamo pranzato una volta e cenato due volte e vi posso assicurare che sia il prawn fried rise al prezzo di 600 Rupie e il pesce fresco alla griglia sono di ottimo livello.

Consigliatissimo se siete nei paraggi.

Prawn fried rise

Una nota anche per le onde e la sicurezza sia per i bambini che per gli adulti per i quali è preferibile immergersi nella parte piu’ a ovest della spiaggia dove si trovano le tipiche barche, perché lì c’è molta meno corrente e le onde sono impercettibili.

Non cercate invece di andare a largo immergendovi in mezzo alla spiaggia perché la corrente e’ abbastanza forte e le onde a momenti molto alte e anche se sarete buoni nuotatori non sarà facile rientrare se vi allontanerete troppo.

Portobello: sobborgo e spiaggia ad Edimburgo

Pensando ad Edimburgo viene sicuramente in mente il fantastico castello che domina la città con le cornamuse che suonano ad ogni angolo, ma anche i numerosi pub con un atmosfera di altri tempi, dove è piacevole trascorrere una serata con musica dal vivo e sorseggiando una pinta di tennets.
Voglio però parlarvi di un luogo altrettanto bello e caratteristico, meno frequentato dai turisti che visitano la capitale scozzese, ma non per questo meno affascinante.
Si trova a circa 15 minuti dal centro, nella parte est della città, sulla costa firth of fort, raggiungibile con bus n.15 o n.26 a due piani da Princes street.
Si tratta della spiaggia antistante il sobborgo di Edimburgo denominato Portobello, lungo la quale si sviluppa la passeggiata lungomare e dove si affacciano molte villette di epoca vittoriana ed alcuni pub.
In estate e’ la spiaggia delle famiglie di Edimburgo che arrivano dalla città armate di ombrelloni, secchielli e palette, mentre fuori stagione, quando io la preferisco, ci sono persone che amano passeggiare con i loro cani durante le giornate più calde e nel momento del pranzo, fermarsi in uno dei pub a godere la vista del mare del nord o leggere un libro.
Passeggiare sulla spiaggia trovo che sia molto rilassante, migliaia di conchiglie giacciono sulla sabbia dove il mare del nord infrange le proprie onde e dove è possibile spingersi anche 50 metri verso il mare nei momenti di bassa marea. Consiglio di visitare questa spiaggia  a chiunque desideri un po’ di relax a due passi da questa splendida città.IMG_8810.JPG

IMG_8813-0.JPG

IMG_8802-0.JPG

Alla scoperta di spiagge Bahiane

Nei giorni che ho trascorso da solo a Salvador Bahia soggiornavo in una pousada nei pressi del Farol da Barra non lontano dalla spiaggia cittadina che si estende dal Farol da Barra sino al promontorio più a nord dove si trova il ristorante Barravento.
Questa spiaggia denominata Praia da Barra, e’ frequentata da gente locale e nei fine settimana e’ super affollata.
Nel lato della spiaggia vicino al Farol, e’ possibile consumare una bevanda e sedere su sdraio o sedie in plastica, messe a disposizione dai venditori di bevande e dove con una buona conoscenza di portoghese non sarà difficile intraprendere conversazioni con i locali.
Questa spiaggia anche se non ha niente di veramente bello, io la trovo particolare per il fatto che sono i Bahiani che la frequentano, per cui chi ama questa popolazione e ne apprezza la loro gioia di vivere e l’allegria, il mio consiglio e’ di trascorrere almeno un mezza giornata. Ovviamente osservate le solite misure di sicurezza evitando di portare oggetti preziosi, macchine fotografiche, smartphone e lasciarli incustoditi…siamo a Salvador!
Se invece volete una spiaggia semi deserta, con palme caraibiche, mare da favola allora basta spostarsi 80 km circa a nord per trovare Praia do Forte.
Molte agenzie locali organizzano la giornata che comprende la visita al centro Tamar per la protezione e riproduzione delle tartarughe di mare ma se volete essere indipendenti basterà raggiungere la Rodoviaria di Salvador con autobus cittadino e prendere l’omnibus per Praia do Forte, facendo prima uno stop all’aereoporto Internazionale di Salvador. Nei pressi del centro Tamar si trovano vari stabilimenti balneari e ristorantini molto turistici, ma se cercate una maggiore privacy sarà possibile camminare verso sud per 10 minuti e godere della splendida spiaggia in solitario. Se non avete portato bevande con voi non preoccupatevi qualcuno capiterà sicuramente a proporvi di acquistare acqua e birra “gelada”.
Oltre alle spiagge su terraferma lo stato di Bahia offre anche spiagge su isole molto caratteristiche e molto frequentate nei periodi di alta stagione.
Ho visitato nell’arcipelago di Tinare’, Morro di S.Paolo nota isola che in 10 anni e’ stata trasformata da isola di pescatori a isola per un turismo giovanile sud americano e non solo.
Sono 4 le spiagge di Morro posizionate una dopo l’altra. La prima si trova di fronte all’abitato, ed io soggiornavo proprio li’, alla pousada Nativo, gestita da un ragazzo argentino e posizionata accanto ad un centro diving. Pochi passi e puoi raggiungere la seconda spiaggia molto organizzata durante il giorno con ombrelloni, ristoranti, si può ordinare ed avere il cibo in spiaggia e mangiare gamberi a volontà. La sera diventa una bolgia con discoteche aperte fino a tarda notte e i famosi banchetti di frutta che preparano tutti i tipi di cocktail.
La terza Praia presenta all’inizio alcuni ristoranti e pousada ma continuando a camminare si incontrerà molta pace, un ottimo mare e palme con le tipiche scimmiette.
La quarta Praia ancora piu lontana dal paese e’ veramente tranquilla, entrando in acqua si trovano le piscine naturali formate tra gli anfratti degli scogli dove puoi immergerti e goderti l’acqua caldissima, veramente uno sballo.
Rientrando nel centro del paese e oltrepassando la vecchia porta si può raggiungere la costa opposta, dopo aver percorso un breve tratto di giungla rigogliosa, si scende sugli scogli e si inizia a camminare, solo con la bassa marea, dopo circa mezz’ora di cammino in una spiaggia deserta dove è’ raro incontrare persone, si giunge al villaggio di Gamboa, molto semplice con una piccola chiesa nella sabbia , qui sarà’ possibile prendere una barca e fare ritorno al porto del paese .
Lasciato Morro de S.Paolo mi sono diretto a Valenca con una barca veloce, e da Valenca ho preso il pullman e viaggiato per tutta la notte sino ad arrivare a Porto Seguro 700 km più a sud, e da li’ ad Arrajal d’Ajuda.
Ho soggiornato alla pousada Manaca’ sulla collina dove ho trovato una piscina a sfioro da sogno e dove ho trascorso gran parte del mio tempo. Spinto da amici spagnoli sono andato a Trancoso pochi chilometri più a sud. La spiaggia di Trancoso mi ha affascinato particolarmente vuoi perché siamo arrivati in spiaggia nel punto dove un fiume dalle acque scure per la presenza di foglie e terra entra nel mare turchese attraversando l’ultimo lembo di spiaggia bianchissima. Una spiaggia deserta dove è possibile salire a cavallo e cavalcare in un paesaggio insolito e dove gli schizzi dell’acqua ti rinfrescano durante la cavalcata. Libertà assoluta, allegria, siamo a Bahia

20140208-223333.jpg

20140208-223525.jpg

20140208-223652.jpg

20140208-223744.jpg

20140208-223910.jpg