Manhattan

Una piacevole ed inaspettata sorpresa

Arrivai all’aeroporto di Newark dopo la mezzanotte con volo da Miami, ed uscito dall’aeroporto un leggero nevischio scendeva nella notte lento e silenzioso sulla città.
Francesco era venuto a riscontrarmi con la sua auto ed in meno di 20 minuti giungemmo a casa, un appartamento situato all’ultimo piano di un palazzo nei pressi della stazione di Lackwanna ad Hoboken sul fiume Hudson, NJ.
Lasciato il mio zaino in camera degli ospiti, mi affacciai alla finestra e inaspettatamente per la prima volta vedevo la Skyline di Manhattan in tutta la sua totalità dalla sponda opposta dell’Hudson (credo la più bella prospettiva che si possa avere) fu per me una sorpresa che mi lascio’ senza fiato, come un bambino di fronte ad un regalo che ha sempre desiderato e che finalmente riceve per Natale.
La sera stessa, anche se distrutto dalla stanchezza, non riuscivo ad addormentarmi, forse perché temevo di perdere quello spettacolo sorprendente di luci della Skyline che oltretutto riuscivo ad osservare anche disteso sul letto.
Alla fine cedetti e presi sonno, l’indomani mi avrebbe aspettato il primo giorno nella grande mela.

20140413-001042.jpg

20140413-001111.jpg

20140413-001149.jpg

Advertisements