immersioni

Akumal, 12 anni dopo

Stamani quando siamo partiti da Tulum per spostarci verso nord, dopo 26 km di strada in direzione Cancun e vedendo l’uscita per Akumal, non ho saputo resistere e ci siamo fermati.

Troppa era la voglia di vedere quella spiaggia dove mi sono divertito con Ludo di 4 anni che aveva il varano in braccio e Edo di 12 anni quando siamo andati a fare snorkelling più volte e abbiamo visto barracuda e tanti pesci.

Quel mare splendido inoltre lo vidi facendo le mie prime immersioni e conseguendo il primo brevetto Padi.

Avevo qualche dubbio per il fatto che vederlo dopo 12 anni poteva essere completamente cambiato, come trovai nel 2012 L’isola di Morro di Sao Paolo a Bahia in Brasile che avevo visto la prima volta nel 2000.

Così è stato ahimè anche per Akumal…..

Mi spiego meglio, ma arrivando dalla strada ti fermano con l’auto e ti dicono di parcheggiare obbligatoriamente a 50 pesos. Dopo scendi dall’auto trovi un muro alto 2 metri che costeggia la spiaggia e fatti in po’ di passi trovi l’ingresso alla spiaggia a 100 pesos a persona.

Ingresso alla spiaggia

Ti dicono che è diventato parco e che devono controllare chi entra in spiaggia.

Così pagati 100 pesos ci mettono un braccialetto e si entra negli spogliatoi muniti di docce e dopo si arriva sulla spiaggia che era e rimane ancora stupenda.

Spiaggia bianca, mare calmo, acqua trasparente.

Vedo poi in mare molte boe che segnalano i posti dove fare snorkelling e i posti di uscita delle barche. In acqua anche una canoa con una guardia del parco a fermare se qualcuno va oltre una boa.

Per fare snorkelling devi prendere a noleggio ( pagando ovviamente) giubbotto e maschera.

Faccio due passi in spiaggia e arrivo al posto dove sono stato anni fa. Lettini ovunque, tutti molto vicini, irriconoscibile.

Caro Edo e Ludo se ritornassimo ad Akumal non sarebbe più come prima, niente più snorkelling in piena libertà, niente centro tartarughe alla fine della spiaggia e niente più paesino dei pescatori. Tutta un altra cosa

20.02.20 Tre giorni in spiaggia a Tulum

Dopo tre settimane a girovagare per il Messico e molti km percorsi con i pullman e auto, abbiamo trascorso tre notti a Tulum di vero riposo, soggiornando presso una Cabanas del Zazilkin Hotel & Cabanas all’interno della Riserva archeologica di Tulum, direttamente sul mare.

Ci sono varie Cabanas in vendita a Zazilkin, noi abbiamo optato per la Cabanas base per 2 persone che su Booking.com abbiamo trovato un’offerta a circa 1100 pesos a notte senza colazione e con bagno in comune.

Sicuramente il prezzo è più alto rispetto a tutte le sistemazioni avute nelle prime tre settimane in Messico negli Stati del Chiapas, Campeche e Yucatàn . È anche vero che siamo entrati nella Riviera Maya, posto turistico per eccellenza del Quintana Roo e Tulum, insieme a Playa del Carmen e Cancun, rappresenta l’élite turistica.

La spiaggia davanti allo Zazilkin si presenta corallina e bianchissima ed è quella di fianco al faro di Tulum ed alla zona archeologica, servono gli occhiali per non essere abbagliati dall’intensità della luce.

Per noi, comodi lettini di legno sotto tettoie e palme da cocco, davanti il mare dai colori che vanno dal turchese al blu e sullo sfondo le onde bianche che si infrangono sulla barriera corallina a qualche centinaio di metri dalla spiaggia.

Un leggero sargasso sulla spiaggia viene lasciato dall’alta marea la notte ma la mattina ci sono persone munite di rastrello e carriole intente a pulire la spiaggia.

Sicuramente abbiamo trovato un periodo buono per il sargasso che dal 2015 sta flagellando la costa Maya e che in certi periodi di forte arrivo delle alghe riceve disdette dai turisti.

In questi giorni invece, anche se la mattina il poco sargasso si trova sulla spiaggia, il mare è sempre pulito.

Una cosa che a mio parere reputo negativa in questa spiaggia è l’incessante attività di tour con barche che portano i turisti al prezzo di 10 US dollar a persona a fare snorkelling all’interno della barriera a vedere le tartarughe e qualche pesce . Questa è per me una fotografia del business sfrenato che si trova su questa riviera, che non rispetta il mare e le creature che lo abitano.

Come per le sistemazioni anche per la “comida” il prezzo, soprattutto sulla spiaggia, è molto alto e consiglio di evitare il bar sulle spiaggia più vicino alle rovine Maya, che vendono un guacamole a 130 pesos ( anziché 70) un burrito di verdure a 170 pesos ( anziché 90) e una limonata a 70 pesos (anziché 30).

I prezzi per la comida sono migliori nel “pueblo” e saper scegliere grazie a google map si possono trovare ottimi ristoranti a prezzo molto onesto come abbiamo trovato nelle settimane precedenti.

Se posso consigliare un ristorante a Tulum dico “El Sabor del mar” con piatti di pesce crudo e insalate di mare squisiti. Il posto è piccolo e serve andare presto per trovare posto, il pagamento è solo in contanti.

Tra l’altro il pueblo di Tulum è veramente a livelli di offerta a 360 gradi. Decine di ristoranti di tutte le tipologie, supermercati, vendita oggetti turistici , boutique, gioiellerie e molto altro, questo ci fa capire come alta sia la presenza di turisti a Tulum.

24/02/20 Arriviamo a Holbox

Riconsegnata l’auto a Europcar a Cancun centro, abbiamo percorso a piedi circa 1 km per arrivare alla stazione ADO centro e comprare il biglietto per Chiquila’.

Alla biglietteria ADO ci hanno venduto il biglietto con la compagnia MAYAB, compagnia minore che non vende biglietti online e non è possibile vedere le partenze sull’applicazione dell’ADO. Il biglietto è leggermente meno caro che con ADO.

Prezzo Cancun – Ciquila’ :

ADO 286 pesos

MAYAB 220 pesos

In due ore di Pullman siamo arrivati al porto di Ciquila’, appena scesi vengono a chiederti di fare il biglietto per la nave ma non conviene farlo subito tanto sul molo ci sono le biglietterie.

Siccome le compagnie di navigazione sono 2, conviene arrivare sul molo e fare il biglietto della compagnia che parte prima.

Saliti sul traghetto, venti minuti e si arriva a Holbox, ma questa è un altra storia.

2 notti a Mahauhal

Arrivando dalla laguna Bacalar siamo arrivati in circa tre ore di auto a Mahauhal, luogo incantevole con mare dai molti colori, che si trova a ridosso della Riserva di Sian Ka’an e nel mare proprio davanti a 30 km si trova il banco di Chinchorro, una barriera corallina molto ambita per snorkelling e immersioni.

Il Pueblo ancora non è molto sviluppato rispetto alla costa Maya, ci sono strutture ricettive sul mare di varie tipologie, noi abbiamo soggiornato in un bungalow a due passi dal mare in un camping, 6 km a sud del pueblo.

Il Malecon parte dal centro e arriva sino al faro nella parte più a nord dove inizia la strada che esce da Mahauhal . Oltre il faro c’è il molo per le navi da crociera che ogni giorno si fermano a Mahauhal portando un po’ di turisti in giro per il paese e vero polmone d’ossigeno per i commercianti ed i pochi ristoranti.

Considerando quanto una nave da crociera produca inquinamento, non credo che questa attività sia molto dalla parte dell’ambiente ma purtroppo questa è la realtà.

Una cosa negativa che ho notato è come nelle spiagge libere a sud del pueblo non venga pulita la spiaggia ne dal sargasso ne dalla plastica, mentre nel paese questo viene effettuato da parte di tutti i privati (hotel, bar, bagno) nel loro perimetro di spiaggia. È avvilente vedere che lo stato non intervenga per la pulizia della spiaggia libera.

Ormai la plastica è ovunque ed il sargasso di mesi, marcendo puzza di uova marce e non è gradevole.

Laguna Bacalar, tre giorni per riposare tra molte sfumature di blu’

Siamo stati tre notti presso un bungalow al Villas Ecotucan, nella laguna Bacalar.

Il Villas Ecotucan è immerso nella foresta ad 1 km di distanza dal strada nazionale 307 e 8 km dal centro di Bacalar.

La mattina sarete svegliati dagli uccelli della Selva alle spalle del proprio bungalow.

La laguna di fronte all’Ecotucan non possiede una vera e propria spiaggia, le molte piante arrivano a toccare l’acqua e ogni guest house che si trova in questa zona ha un proprio molo in legno, nel nostro caso oltre al molo nella laguna c’è una piattaforma piccola con una amaca e due lettini in legno dalla quale è possibile accedere all’acqua anche se lo spazio a disposizione non risulta proporzionato al numero dei turisti che soggiornano nei bungalow dell’Ecotucan.

Sarà possibile noleggiare gratuitamente kayak e passare il tempo a pagaiare però questo solo la prima mattina perché il pomeriggio si alza un vento da est, che pur essendo piacevole non facilita chi vuole dedicarsi a questo sport.

Per quanto riguarda la cittadina di Bacalar ha un proprio centro dove si trova il Forte San Felipe costruito per la difesa dai pirati nel 1700 circa. All’interno del Forte c’è un museo sulla storia di Bacalar e della penisola dello Yucatàn inoltre dalla torre e dai bastioni c’è una bella vista sulla laguna che con il sole offre alla vista le sette sfumature del blu’.

A Bacalar non esiste un malencon (lungo laguna) ma tra la strada e la laguna ci sono numerosi ristoranti, case private, imbarcadero per le vicine spiagge bianche sulla sponda di fronte a Bacalar. E’ praticamente impossibile accedere alla laguna in centro se non si entra in qualche ristorante, per fortuna però ci sono dei giardini pubblici ( ne ho visti due ) stretti e lunghi, attrezzati con tavoli e panchine, che dalla strada si affacciano alla laguna ed hanno un molo dove è possibile arrivare per fare il bagno e scattare qualche bella foto.

Nella parte più a sud di Bacalar si trova un centro balneario con una grande spiaggia bianca dove pagando si può entrare e godersi l’acqua in pace, importante non andare di sabato o domenica perché la pace ve la sognerete.

Un ristorante che posso consigliare e’ “Il Pina” che offre piatti di pesce, vegetariani e cucina messicana molto buoni sia come qualità che come prezzo. Andate presto la sera altrimenti non troverete posto.

Comunque l’offerta per i ristoranti sia a pranzo che a cena sono molti e se vorrete mangiare un ottimo Sevice di pescato a pranzo andate da Navieros Bacalar, posto semplice sulla strada lungo la laguna con piatti abbondanti e molto buoni.

Per quanto riguarda la zona dove soggiornavamo c’è un ristorante a 400 metri dall’ Ecotucan sulla laguna in un posto splendido. Si tratta del Cabanas Kuuch Kaanil che ha bungalow di buon livello un ristorante e un’isoletta di mangrovie con un molo in legno tutto attorno ed un bungalow sull’acqua dove godersi il tramonto durante la cena. Ve lo consiglio sia per soggiornare per che mangiare. Questa sotto è la foto del tramonto al ristorante menzionato precedentemente.

8.02.20 San Francisco de Campeche

Partendo da Palenque alle ore 8 con il pullman Ado al costo di 550 pesos a persona siamo arrivati a San Francisco de Campeche alle 12.30.

La città si trova sul mare della Costa del Messico detta Costa dei Pirati dato che in passato fu più volte presa d’assalto dai Pirati e nel 1666 fu iniziata la costruzione delle mura del forte ed oggi dopo una recente ristrutturazione sono entrate a far parte del patrimonio mondiale dell’umanità ed è possibile visitarle in parte. Le Porte principali di entrata della città erano la Porta del mar e la Porta di tierra

Porta del Mar

Porta della Tierra

In prossimità del Porta della Tierra è possibile salire sul bastione di San Francesco e percorrere le mura sino al bastione di San Juan. La sera le mura sono ben illuminate

Per quanto riguarda il centro molto frequentata e’ la Piazza Central con la Chiesa e El Palazzo sede del museo della città.

Plaza Central e Chiesa El Palacio

Il Malecon (lungomare) anch’esso ristrutturato presenta un pista pedonale, una pista ciclabile, attrezzatura da palestra libera ed un illuminazione. Nella parte centrale si trovano delle fontane e la sera giochi d’acqua attraggono turisti e abitanti

Malecon

Tramonto sul Malecon

Isole Balabac, un arcipelago a Sud dell’isola di Palawan, proteso verso il Borneo Malese, ancora non molto frequentato. Ecco i motivi

I motivi che mi hanno spinto ad andare nelle Filippine ed in special modo a Palawan sono El Nido e le isole Balabac.

Se El Nido ormai è la metà più conosciuta e frequentata di Palawan, le isole Balabac al contrario sono ancora molto poco conosciute e tanto meno frequentate dai turisti.

Ecco i motivi per i quali le isole balabac sono ancora poco conosciute:

Il primo motivo è sicuramente il difficile collegamento con il resto dell’isola di Palawan.

Da Porto Princesa sono necessarie 4 ore di Van in una strada che presenta molte interruzioni, sino a Rio Tuba o aggiungendo un altra ora si arriva a Buliluyan, dove sara’ possibile dal piccolo porto prendere una barca che con due corse giornaliere di circa 3/4 ore verso le isole principali dove farà varie fermate prima di arrivare al porto di Poblacion.

Il secondo motivo è sicuramente la mancanza di strutture ricettive, infatti sulle isole non ci sono alberghi, solo nell’isola principale denominata Balabac ci sono due alberghetti nel paese di pescatori di Poblacion.

In alcune isole ci sono camp molto spartani, come il nostro, dove abbiamo soggiornato nell’isola di Canabungan, non pensate però di trovare acqua ai rubinetti o energia elettrica. La sera comunque si potrà usufruire di 4/5 ore di generatore per ricaricare macchina fotografica e cellulare, quest’ultimo invece lo potrete usare solo se avrete acquistato una scheda telefonica globo.

Il terzo e’ legato a una cellula di terroristi islamici che hanno agito in questa area nel passato e anche se negli ultimi anni non ci sono stati attentati nell’arcipelago, l’unico problema di questo genere verificatosi nelle 2 settimane precedenti al nostro arrivo è stato l’attentato alla chiesa cristiana nell’isola di Iolo, molto lontana dalle isole Balabac e dall’altra parte del mar di Sulu verso l’isola di Mindanao.

Per quanto ci riguarda, nonostante la popolazione sia in maggioranza musulmana, non abbiamo avuto nessuna ostilità nei nostri confronti, nei rari casi in cui abbiamo avuto a che fare con la popolazione locale.

Nella foto ci sono dei locali al porto di Buliluyan che scaricano da una barca provenite dalle isole Balabac dei sacchi contenenti l’alga agar agar.

Il quarto motivo è la possibilità di contrarre la malaria. Sicuramente maggiormente presente nelle zone interne dell’isola di Balabac e in momenti dell’anno più piovosi.

Se il nostro intento era di voler usufruire di mezzi pubblici per arrivare alle Balabac, questo non è stato possibile con le poche informazioni trovate su Internet e ci siamo dovuti affidare all’unica agenzia che riporta la Lonely Planet parlando del sud di Palawan.

Abbiamo optato per un tour 2D/2N, che prevedeva 2 giorni di island hopping e 2 notti presso il camp sull’isola di Canabungan.

Nella foto il nostro Camp nell’isola di Canabungan

Altra cosa da tenere in conto volendo visitare la isole Balabac è il clima. Sicuramente Febbraio è buono perché è un clima secco ma il vento talvolta è molto forte per cui dovendo fare molta barca è sconsigliato a chi soffre di mare. Maggio e Giugno sono sicuramente i mesi migliori secchi e senza vento.

Port Barton, meta ideale per i backpackers

Il Villaggio di Port Barton si trova nella provincia di San Vicente, a 4 ore di strada a sud da El Nido (500 php a persona in Van) e 2,5 ore a nord di Porto Princesa (300 php a persona in Van) Dal bivio, sulla strada El Nido-Porto Princesa sino a Port Barton la strada è ancora in fase di esecuzione per cui il turismo è mediamente sviluppato e non è paragonabile a quello di El Nido sia in termini di presenze che di qualità delle strutture ricettive.

Una delle poche strade cementate è quella di ingresso al paese che parte dalla stazione dei pullman, dove per entrare si dovrà pagare una tassa di 50 php.

In paese si respira un’ aria tranquilla, le strade di sabbia dividono in quadrati il paese, ai lati delle strade si trovano le abitazioni dei locali, le tante guest house e affittacamere in locali molto semplici.

I ristoranti si trovano un po’ per tutti i gusti, sparsi qua e là nel paese, da quelli vegani, ai vegetariani a quelli di pesce e cucina filippina e preparano sia la prima colazione, il pranzo e la cena.

Per la prima colazione se non è inclusa nella vostra camera vi consiglio il Mabuti eat & chill dove ci sarà l’imbarazzo della scelta veramente per tutti i gusti.

Il nostro preferito per la cena invece è Olive Crib, sia per le porzioni molto abbondanti che per l’ottimo pesce fresco cucinato in più modi. Spendendo non più di 10 euro a persona, ti alzi che sei sazio.

Sull’unica spiaggia di sabbia bianca con le tipiche palme da cocco, dove la riva degrada lentamente verso il mare, sara’ piacevole entrare in acqua senza nessuna difficoltà inoltre il mare sarà spesso molto calmo trovandosi Port Barton su una grande insenatura.

Di fronte alla spiaggia si trovano ormeggiate le tante barche che la mattina entro le 9 partono per i vari tour nelle isole e barriere coralline; molte sono anche le guest house e “piccoli resort” con annessi bar e ristoranti, costruiti in legno ed alcuni bar in stile jamaicano.

Vi consiglio anche di soggiornare in un bungalow sulla spiaggia come abbiamo fatto noi al Deep Moon. Ci Sono bungalow sia nel giardino che fronte mare a prezzi molto economici per lo standard europeo, certo non pensare di avere acqua calda ma il relax è sicuro.

L’aria che si respira in paese e sulla spiaggia ha una chimica particolare, sarà anche per la presenza di tanti BackPackers ed alternativi globe-trotter di tutte le età che la frequentano e provenienti da tutto il mondo. La musica è presente un po’ ovunque nel villaggio e camminando sulla spiaggia puoi trovare una tipa che suona un ukulele o qualcuno con la chitarra.

La sera invece il ritrovo per tutti con una bottiglia di San Miguel o Red Horse (birre locali) è ad aspettare il tramonto in spiaggia.

Taxi a Manila

Dopo un giorno trascorso a Manila posso subito dare alcune notizie che potranno essere utili ogniqualvolta vorrete prendere un taxi in questa caotica città.

Uscendo dall’aeroporto Terminal 1 dei voli internazionali, a sinistra si trovano i taxi gialli sicuramente i più sicuri in termine di onestà. Il costo per una corsa sino al centro di Makati ( quartiere di Manila) dove avevamo l’hotel è costata 350 Php.

Tassametro acceso regolarmente e tassista gentile, ci ha dato notizie su Manila e si è proposto, senza insistere, per il ritorno quando saremo di nuovo a Manila di fare un tour della città con il suo taxi, lasciandoci per questo il suo numero di cellulare.

Questa mattina invece dovendo prendere un aereo per un volo interno ci siamo fatti chiamare al volo, un taxi bianco dal portiere dell’albergo. Come volevasi dimostrare il tassista oltre a non accendere il tassametro ci ha chiesto dove volevamo andare, dopodiché ci ha detto 600 php.

Gentilmente ho fatto capire che il prezzo era troppo alto e che il giorno prima avevo speso la metà per un tragitto oltretutto più lungo. Il terminal 1 infatti è da tutta altra parte del terminal 4 e più lontano dalla città.

Borbottando un po’ in filippino a proposto poi 400 php ed io insistito per 300 php, poi 350 php ed io 300 php, alla fine siamo arrivati a destinazione e la mia compagna che aveva preparato i 300 php lo ha pagato senza problemi.

Adesso si vola con Skyjet a Busuanga per visitare Coron ma questo sarà un altro capitolo.

GrandCayman, un paradiso tra Giamaica e Messico

Negli ultimi anni abbiamo sentito molto spesso parlare delle Isole Cayman, per motivi diversi da quelli che mi hanno spinto ad andare a visitarla. Una perla nel Mar dei Caraibi posta tra la Giamaica ed Il Messico che insieme alle 2 isole Piccola Cayman e Bric Brac, formano le Isole Cayman.
Ho raggiunto George Town, la capitale, con volo di linea American Airlines da Londra Heatrow via Miami, l’ultimo volo da Miami per Georgetown e’ di circa 1 ora.
L’aereoporto piccolo, tipico di un isola caraibica, si differenzia alla sala arrivi dalle foto della Regina Elisabetta II e del Principe Filippo suo sposo, per ricordarci che siamo su territorio di Sua Maesta’, Regina D’Inghilterra.
Nei pochi giorni che ho trascorso a George Town ho soggiornato al Marriot di fronte alla spettacolare Sevemiles Beach.
Sevenmilesbeach e’ la spiaggia principale di Gran Cayman con sabbia finissima corallina, molto frequentata nei pressi degli hotel ma se si vuole maggiore privacy si possono trovare anche punti della spiaggia molto intimi, da non perdere una passeggiata da fare la sera per assistere al tramonto da sogno.
Non potevo nei giorni che sono stato nell’isola non praticare diving, visti i numerosi siti d’immersione interessanti e l’acqua splendida con temperature sino a 28 gradi.
Sicuramente è stata molto bella l’immersione nel relitto Kittiwake, giace su un fondale a circa 20 metri di profondità e dove si può visitare il suo interno ed entrare nella camera iperbarica della nave, dove si trova una bolla d’aria nella parte superiore. Moltissimi pesci sia all’interno che all’esterno del relitto ti ricordano che sei nei Caraibi.
Molto bella anche l’immersione a Oro verde wall dove una volta fatto il passo da gigante dalla barca si scende nel blu che ha una profondità di 500 metri, cambiando direzione si arriva sulla cima di un panettone che emerge dal blu sino alla profondità di 25 metri con le pareti a strapiombo e dal quale è bello vedere grossi pesci di passaggio e migliaia di pesci colorati sul reef.
Altra esperienza questa volta senza bombole e’ sicuramente all’interno della laguna dove con una profondità del mare non superiore a 5 metri e la protezione della barriera corallina, con la barca si può raggiungere Stingraycity e ammirare da vicino le mante, chi vuole può fare il bagno con loro e lasciarsi accarezzare nell’acqua cristallina.
Lasciata Stingraycity sempre con la barca e’ d’obbligo una tappa a Rhum Point per una bella grigliata di pesce sulla spiaggia.
Per la sera rientrando a Georgetown consiglio il ristorante presso il lungomare da Toni dove si mangia una cucina a base di pesce a noi Italiani familiare con ottimi piatti e grande varietà di vini internazionali.
Lascio con un pizzico di malinconia questo paradiso e ringrazio tutti gli amici per le giornate passate insieme.

20140222-083611.jpg