Month: February 2020

Canon del Sumidero, Tuxla Gutierrez (Chiapas)

La mattina del 3 Febbraio abbiamo fatto un tour in barca, acquistato a 600 pesos a persona nella nostra guest house, nel Canion del Sumidero che si trova all’interno dell’omonimo Parque National Canon del Sumidero.

Il collettivo ci ha preso nella Guest House verso le 9,30 ed è partito alla volta di Tuxla Gutierrez dove nelle vicinanze si trova l’imbarcadero per la visita del fiume.

Un altro imbarcadero si trova nella cittadina di Chiapa de Corzo dove al ritorno ci siamo fermati per pranzare.

Il fiume Grijalva che attraversa il Canion nasce in Guatemala, poi entra in Chiapas e successivamente si getta nel golfo del Messico nello stato del Tabasco. In Chiapas si trovano 5 dighe su questo fiume.

La barca ha percorso 32 km sino alla diga Chicoasen dove si trova una centrale idroelettrica e successivamente siamo ritornati indietro al punto di partenza.

Il Canion inizia con una profondità di 30 metri d’acqua e 200 metri di altezza delle montagne laterali, mentre arriva ad una profondità di 100 metri e 1000 metri di altezza delle montagne laterali che arrivano a 90 gradi sul fiume creando un paesaggio mozzafiato. In questo punto detto il Castillo fu scena di un suicidio di massa di una tribù Indios che non voleva consegnarsi all’invasore spagnolo e si gettarono dal Castillo lungo la scarpata di 1000 metri.

Anche molta fauna è presente lungo il canon, durante infatti abbiamo avvistato 6/7 coccodrilli sia in acqua che fuori al sole, probabilmente stavano digerendo, abbiamo visto molte scimmie sugli alberi e numerosissimi uccelli sia acquatici che non.

In un punto del Canion si incontra una grotta detta de los colores, per i diversi colori delle pietre che compongono la grotta e dove si trova una statua della Madonna di Guadalupe. Nel mese di Dicembre si celebra una messa con le barche nella grotta in onore della Madonna.

Una puntualizzazione che faccio ogni volta che vado a giro nel mondo il luoghi così naturali è notare la quantità di plastica che trovo. Bene anche lungo il fiume si può vedere molta plastica dovuta alla vicinanza della città di Tuxla Gutierrez ed ogni anno avviene la pulizia tra la città e la diga dove durante le operazioni di pulizia vengono tirati fuori oltre 5000 tonnellate di rifiuti.

San Juan Chamula (Chiapas)

Una mattina partendo di buon ora da San Cristobal de las casas presso il terminale dei collettivo per San Juan Chamula si arriva a San Juan Chamula in circa 35 minuti e 18 pesos a persona. Noi siamo andati di domenica e il collettivo ci ha lasciati proprio di fronte al mercato dove venditori di prodotti agricoli arrivati dalle campagne circostanti mostrano i loro prodotti per la vendita.

Non solo verdure e frutta ma anche vestiario, lana etccc. Procedendo lungo la strada si arriva al tempio di San Juan che sorge a fianco della chiesa.

L’ingresso della chiesa è di 25 pesos ed al suo interno è assolutamente vietato fare foto. Si può contattare una guida con 100 pesos di fronte alla chiesa che spiega le caratteristiche e delle funzioni al suo interno. La chiesa non ha un proprio prete ma solo la domenica alle 9 viene un sacerdote gesuita da San Cristobal de las casas a celebrare la messa in spagnolo, successivamente viene celebrata una funzione in lingua Tzotzil, la lingua degli Indios di questo paese e di seguito il battesimo.

La Chiesa non possiede panche per sedersi, ma in terra ci sono aghi di Pino dove i fedeli si siedono e candele di vari colori accese dai fedeli in base alle loro richieste. Sul lato sinistro della chiesa ci sono le statute dei Santi con specchi che servono ai fedeli per l’auto confessione.

Ogni statua è gestita da persone alle quali è stato dato il compito in maniera ufficiale dalla municipalità per l’incarico che dura un anno. Dato che è considerato un onore poter gestire un santo, ci sono liste di persone da 20/30 anni per accedere a questo incarico e la gente deve dedicare una somma di denaro cospicua alla gestione del santo che le verrà dato.

In questa chiesa la religione cattolica è interconnessa con i riti tradizionali dei nativi Maya. Uno dei riti che si celebrano, e che abbiamo potuto vedere, è l’offerta di un pollo che viene abbattuto durante la funzione e successivamente seppellito a casa della persona. Queste funzioni sono ufficiati da curanderos.

Se andrete in Chiapas questa è un esperienza da non perdere.

Città del Messico, una piacevole sorpresa

Ho sempre pensato a questa città come una tra le più inquinate del pianeta, con aria irrespirabile e molto caotica. Dopo averci trascorso solo tre notti posso dire solo il contrario, anzi ho trovato talmente tante qualità che mi pento di esserci stato solo poco tempo.

Noleggio delle bici in Paseo della Reforma

Sicuramente con il traffico stradale presente per i 25 milioni di abitanti compresi nella sua area metropolitana la qualità dell’aria non può essere quella di un paesino di montagna, ma passeggiando per le vie principali (Paseo della Reforma) non si percepisce lo smog tipico delle città che ho visitato in passato tipo Manila o San Paolo, e forse è proprio la presenza di tanti alberi sui lunghi viali e nelle strade più piccole che rende più pura l’aria che si respira.

Altre piacevoli sorprese di Città del Messico :

Trasporto pubblico organizzato e capillare con pullman di tutti i tipi e filobus

Metropolitana conveniente, organizzata, pulita e sicura. E’ composta da 12 linee e 195 stazioni per un totale di 213 km. Il costo è di 5 pesos a viaggio. Molto controllo della polizia all’interno

Strade pulite, non solo nella zona centrale, si vedono continuamente spazzini che puliscono

Biciclette a noleggio e piste ciclabili in centro

Wi-fi gratuita in molte parti della citta’

Parchi pubblici sparsi in città molto ben tenuti