Month: February 2014

A town by the ocean in Brazil submerged by sand dunes

I arrived in Itaunas (Espirito Santo) from Arrajal d’Ajuda via Euanopolis, where I took the connection for Santo André and from there to Conceicao da Barra to end my journey by taking the bus from Conceicao da Barra to my destination.
If I hadn’t had to wait for the connection for Conceicao da Barra from 3am to 12pm, it would have been an normal journey with 3 simple connections. To spend nine hours in the middle of the night in a bus station in an average Brazilian town is however, an adventure within an adventure.
Let me be clear, I am not talking about security, far from it, but the waiting around with nothing to do in a place that begins to slowly come alive at 3 in the morning, when it is possible to closely observe Brazil, the real one, with all its contradictions and its pluses.
Waiting at the Rodoviaria meant that I also met two globetrotting French people on their 6 month journey around South America who had the same destination as me and so we ended up being together for 2 days.
Finally by 4pm we reached Itaunas , with its typical streets of sand, that make the town look like a place from another era, almost unreal, perhaps also because of its geographical position that makes it difficult to reach from the main roads.
The carnival in February enlivens Itaunas, but even more people arrive in July for the Forro’ Festival,a typical dance of the north-eastern area and that is known of all over Brazil.
In the days when I was staying there, there must have been just fifty tourists, so it was easy and cheap to find a place to sleep or to eat in the few restaurants that were open and where you can enjoy the tasty Moqueqa dell’Espirito Santo, a vegetable and fish soup.
It is worth visiting the beach at Itaunas that can be reached from the Sand dunes that lie between the sea and today’s town but that covers the entire old town that was built between 1750-1800 after cutting down the forest that lay close to the beach. In 1930, thanks to the continual wind on the beach, little by little the old houses disappeared under the sand and the houses moved back to their current position.
The beach is part of the Estadual de Itaunas Park,a 3,674 hectare nature reserve which stretches for 25 km along the coast and has 20-30 metre high sand dunes. You will see many animals there, including monkeys, sloths, armadillos (tatú) and many others. The park is also one of the bases of the Projeto Tamar and in February I was able to witness, together with the biologists, the hatching of the eggs and the turtles entering the ocean to start their new life.

20140222-151417.jpg

20140222-151537.jpg

20140222-151715.jpg

GrandCayman, un paradiso tra Giamaica e Messico

Negli ultimi anni abbiamo sentito molto spesso parlare delle Isole Cayman, per motivi diversi da quelli che mi hanno spinto ad andare a visitarla. Una perla nel Mar dei Caraibi posta tra la Giamaica ed Il Messico che insieme alle 2 isole Piccola Cayman e Bric Brac, formano le Isole Cayman.
Ho raggiunto George Town, la capitale, con volo di linea American Airlines da Londra Heatrow via Miami, l’ultimo volo da Miami per Georgetown e’ di circa 1 ora.
L’aereoporto piccolo, tipico di un isola caraibica, si differenzia alla sala arrivi dalle foto della Regina Elisabetta II e del Principe Filippo suo sposo, per ricordarci che siamo su territorio di Sua Maesta’, Regina D’Inghilterra.
Nei pochi giorni che ho trascorso a George Town ho soggiornato al Marriot di fronte alla spettacolare Sevemiles Beach.
Sevenmilesbeach e’ la spiaggia principale di Gran Cayman con sabbia finissima corallina, molto frequentata nei pressi degli hotel ma se si vuole maggiore privacy si possono trovare anche punti della spiaggia molto intimi, da non perdere una passeggiata da fare la sera per assistere al tramonto da sogno.
Non potevo nei giorni che sono stato nell’isola non praticare diving, visti i numerosi siti d’immersione interessanti e l’acqua splendida con temperature sino a 28 gradi.
Sicuramente è stata molto bella l’immersione nel relitto Kittiwake, giace su un fondale a circa 20 metri di profondità e dove si può visitare il suo interno ed entrare nella camera iperbarica della nave, dove si trova una bolla d’aria nella parte superiore. Moltissimi pesci sia all’interno che all’esterno del relitto ti ricordano che sei nei Caraibi.
Molto bella anche l’immersione a Oro verde wall dove una volta fatto il passo da gigante dalla barca si scende nel blu che ha una profondità di 500 metri, cambiando direzione si arriva sulla cima di un panettone che emerge dal blu sino alla profondità di 25 metri con le pareti a strapiombo e dal quale è bello vedere grossi pesci di passaggio e migliaia di pesci colorati sul reef.
Altra esperienza questa volta senza bombole e’ sicuramente all’interno della laguna dove con una profondità del mare non superiore a 5 metri e la protezione della barriera corallina, con la barca si può raggiungere Stingraycity e ammirare da vicino le mante, chi vuole può fare il bagno con loro e lasciarsi accarezzare nell’acqua cristallina.
Lasciata Stingraycity sempre con la barca e’ d’obbligo una tappa a Rhum Point per una bella grigliata di pesce sulla spiaggia.
Per la sera rientrando a Georgetown consiglio il ristorante presso il lungomare da Toni dove si mangia una cucina a base di pesce a noi Italiani familiare con ottimi piatti e grande varietà di vini internazionali.
Lascio con un pizzico di malinconia questo paradiso e ringrazio tutti gli amici per le giornate passate insieme.

20140222-083611.jpg

A trek near my Tuscany house discovering old railway bridges

I would like to begin my blog with the story of a trek near my house – but not for this less interesting than other experiences in far-off countries – that is rich in natural and historical
interest in this lesser-known area of Tuscany.
We are in the Natural Reserve of Monterufoli – Caselli in the province of Pisa and I start walking early morning on a cold and sunny winter’s day, starting from the point where the
Ritasso torrent crosses the entrance to the Villetta di Monterufoli estate in the commune of
Monteverdi Marittimo.
The path of the first section runs along a field, but soon arrives at the woods and with clear white/red signs, you can distinguish the site of the old railroad tracks coming from Casino di Terra that served the lignite mine from 1850 to 1929 and was then subsequently
dismantled.
Running parallel to the path, you can see still the brick barriers on the river bed that were used in the past to channel the water to an Old Mill still visible between the dense Mediterranean vegetation on the west bank of the torrent.
Continuing the trail, you arrive near the First Bridge which is possible to see from standing in the torrent, whilst it is worth crossing the torrent to reach the west bank, very interesting for the flora present in the vicinity of an old dwelling with many varieties of moss and lichens, that give you an idea of the undergrowth’s microclimate that would already have been present here before the great ice age.
Arriving near the Second Bridge, but certainly the first in order of size, you have to ade through the torrent below, following the majestic brick arch that has a single 30-metre span and is certainly more than 20 metres high. You climb out of the torrent on the opposite side to meet the railway tracks again and here there are rocky outcrops and mounds of debris colonised by unusual herbaceous flora that is typical of or exclusive to these rocks and that produces rare spring blooms, characterised by yellow clumps of Euphorbia Spinosa.
Upon reaching the Malentrata torrent, also known for the old magnesite mine and the presence of numerous minerals, it is important to remember that this area is part of the metalliferous hills.
At this point you go beyond the third railway bridge to come across a trench that was carved out of the serpentine rock by the hands who gave life to the railway. These spectacular “green rocks” – magmatic rocks – originated 180 million years ago on the ocean floor.
The path continues its descent along the Ritasso torrent and the trek continues up to where the landslide in September 1929 led to the abandonment of the railway. There, it is possible to cross the landslide that has now settled and follow the path to where the Ritasso torrent flows into the Sterza torrent to then return along the asphalted road.
I don’t know for how long it will be possible to admire these bridges that I have written about, clear cracks and signs of slough can be seen in all of them, as they now defy time
by at least 160 years and have been in a state of total abandonment for no less than 90 years.
If one day you would like to follow the trail, I would be happy to accompany you and recount the long history in memory of the many workers who took part in both the construction of the railway and in the hard work in the lignite mine tunnels, which I will be
describing soon in my blog.

20140215-173841.jpg

20140215-174039.jpg

20140215-174255.jpg

Un paese in Brasile sommerso dalle dune di sabbia in riva all’Oceano

Sono arrivato a Itaunas (Espirito Santo) provenendo da Arrajal d’Ajuda via Euanopolis, dove ho preso la coincidenza per S.Andrea e da li’ a Conceicao da Barra, per poi finire con l’ultimo pullman da Conceicao da Barra sino alla mia meta.
Se non avessi dovuto attendere la coincidenza per Conceicao da Barra dalle 3 della notte alle 12 della mattina, sarebbe stato un viaggio nella norma con 3 semplici coincidenze. Trascorrere 9 ore nel cuore della notte in una stazione dei pullman (Rodoviaria) di una media citta’ Brasiliana e’ una avventura nell’avventura.
Bene esser chiari non parlo di problemi di sicurezza, tutt’altro, ma una lunga attesa senza avere niente da fare in un luogo che inizia ad animarsi lentamente alle 3 della notte, si riesce ad osservare da vicino il Brasile, quello vero, con tutte le sue contraddizioni ed i suoi pregi.
La Rodoviaria mi ha permesso di conoscere anche due giramondo francesi che nel loro viaggio di 6 mesi in Sud America avevano in quel momento in programma la mia stessa meta che alla fine abbiamo condiviso insieme per 2 giorni.
Finalmente alle 16 siamo giunti a Itaunas, con le sue strade di sabbia, così naturale e quasi irreale, forse anche per il fatto della sua posizione geografica che la rende non facilmente collegata dalle vie principali.
Il carnevale anima Itaunas nel mese di febbraio, ma molta più gente arriva nel mese di luglio per il Festival del Forro’tipico ballo del nord est, conosciuto in tutto il Brasile.
Nei giorni della mia permanenza saranno stati presenti una cinquantina di turisti per cui è stato facile ed economico sia trovare da dormire in una accogliente pousada che da mangiare nei pochi ristoranti aperti dove ho potuto gustare la famosa Moqueqa dell’Espirito Santo.
La ‘Moqueqa’ è una pietanza tradizionale del Brasile a base di pesce, cucinato in una zuppa di verdure. Nell’Espirito Santo l’olio di palma tipico di Bahia è sostituito da quello d’oliva o di soia e il latte di cocco viene eliminato, mentre a Bahia dove la cucina e’ influenzata da quella africana, è generalmente arricchita da gamberi e altri crostacei.
Oltre alla cucina da provare si dovrà visitare anche la spiaggia di Itaunas a cui si accede dalle Dune di Sabbia che si trovano tra il mare ed il paese attuale ma che sommergono interamente il paese vecchio costruito tra il 1750-1800 dopo l’abbattimento della foresta a ridosso della spiaggia. Il vento che soffia costantemente sulla spiaggia, portò nel 1930, gradatamente, alla sparizione sotto la sabbia delle vecchie abitazioni e l’arretramento delle case all’attuale posizione.
La spiaggia fa parte del Parque Estadual de Itaunas , una riserva naturale di 3674 ettari che si estende per 25 km lungo la costa e presenta dune di sabbia alte 20-30 metri. Vi si incontrano molti animali come scimmie, bradipi, armadilli (tatu’) e molti altri. Il parco è anche una delle basi del Projeto Tamar, mi è stato possibile assistere nel mese di febbraio, insieme ai biologi, la schiusa delle uova e le tartarughe e che entrano nell’oceano ed iniziano la loro vita.

20140215-154824.jpg

Alla scoperta di spiagge Bahiane

Nei giorni che ho trascorso da solo a Salvador Bahia soggiornavo in una pousada nei pressi del Farol da Barra non lontano dalla spiaggia cittadina che si estende dal Farol da Barra sino al promontorio più a nord dove si trova il ristorante Barravento.
Questa spiaggia denominata Praia da Barra, e’ frequentata da gente locale e nei fine settimana e’ super affollata.
Nel lato della spiaggia vicino al Farol, e’ possibile consumare una bevanda e sedere su sdraio o sedie in plastica, messe a disposizione dai venditori di bevande e dove con una buona conoscenza di portoghese non sarà difficile intraprendere conversazioni con i locali.
Questa spiaggia anche se non ha niente di veramente bello, io la trovo particolare per il fatto che sono i Bahiani che la frequentano, per cui chi ama questa popolazione e ne apprezza la loro gioia di vivere e l’allegria, il mio consiglio e’ di trascorrere almeno un mezza giornata. Ovviamente osservate le solite misure di sicurezza evitando di portare oggetti preziosi, macchine fotografiche, smartphone e lasciarli incustoditi…siamo a Salvador!
Se invece volete una spiaggia semi deserta, con palme caraibiche, mare da favola allora basta spostarsi 80 km circa a nord per trovare Praia do Forte.
Molte agenzie locali organizzano la giornata che comprende la visita al centro Tamar per la protezione e riproduzione delle tartarughe di mare ma se volete essere indipendenti basterà raggiungere la Rodoviaria di Salvador con autobus cittadino e prendere l’omnibus per Praia do Forte, facendo prima uno stop all’aereoporto Internazionale di Salvador. Nei pressi del centro Tamar si trovano vari stabilimenti balneari e ristorantini molto turistici, ma se cercate una maggiore privacy sarà possibile camminare verso sud per 10 minuti e godere della splendida spiaggia in solitario. Se non avete portato bevande con voi non preoccupatevi qualcuno capiterà sicuramente a proporvi di acquistare acqua e birra “gelada”.
Oltre alle spiagge su terraferma lo stato di Bahia offre anche spiagge su isole molto caratteristiche e molto frequentate nei periodi di alta stagione.
Ho visitato nell’arcipelago di Tinare’, Morro di S.Paolo nota isola che in 10 anni e’ stata trasformata da isola di pescatori a isola per un turismo giovanile sud americano e non solo.
Sono 4 le spiagge di Morro posizionate una dopo l’altra. La prima si trova di fronte all’abitato, ed io soggiornavo proprio li’, alla pousada Nativo, gestita da un ragazzo argentino e posizionata accanto ad un centro diving. Pochi passi e puoi raggiungere la seconda spiaggia molto organizzata durante il giorno con ombrelloni, ristoranti, si può ordinare ed avere il cibo in spiaggia e mangiare gamberi a volontà. La sera diventa una bolgia con discoteche aperte fino a tarda notte e i famosi banchetti di frutta che preparano tutti i tipi di cocktail.
La terza Praia presenta all’inizio alcuni ristoranti e pousada ma continuando a camminare si incontrerà molta pace, un ottimo mare e palme con le tipiche scimmiette.
La quarta Praia ancora piu lontana dal paese e’ veramente tranquilla, entrando in acqua si trovano le piscine naturali formate tra gli anfratti degli scogli dove puoi immergerti e goderti l’acqua caldissima, veramente uno sballo.
Rientrando nel centro del paese e oltrepassando la vecchia porta si può raggiungere la costa opposta, dopo aver percorso un breve tratto di giungla rigogliosa, si scende sugli scogli e si inizia a camminare, solo con la bassa marea, dopo circa mezz’ora di cammino in una spiaggia deserta dove è’ raro incontrare persone, si giunge al villaggio di Gamboa, molto semplice con una piccola chiesa nella sabbia , qui sarà’ possibile prendere una barca e fare ritorno al porto del paese .
Lasciato Morro de S.Paolo mi sono diretto a Valenca con una barca veloce, e da Valenca ho preso il pullman e viaggiato per tutta la notte sino ad arrivare a Porto Seguro 700 km più a sud, e da li’ ad Arrajal d’Ajuda.
Ho soggiornato alla pousada Manaca’ sulla collina dove ho trovato una piscina a sfioro da sogno e dove ho trascorso gran parte del mio tempo. Spinto da amici spagnoli sono andato a Trancoso pochi chilometri più a sud. La spiaggia di Trancoso mi ha affascinato particolarmente vuoi perché siamo arrivati in spiaggia nel punto dove un fiume dalle acque scure per la presenza di foglie e terra entra nel mare turchese attraversando l’ultimo lembo di spiaggia bianchissima. Una spiaggia deserta dove è possibile salire a cavallo e cavalcare in un paesaggio insolito e dove gli schizzi dell’acqua ti rinfrescano durante la cavalcata. Libertà assoluta, allegria, siamo a Bahia

20140208-223333.jpg

20140208-223525.jpg

20140208-223652.jpg

20140208-223744.jpg

20140208-223910.jpg

Trekking sul percorso di una ferrovia abbandonata alla scoperta di ponti fantasma e natura incontaminata

Mi piace iniziare il mio blog con il racconto di un trekking molto vicino a casa mia, ma non per questo meno interessante di altre esperienze vissute in paesi lontani, anzi ricco di interessi naturalistici e storici di questa parte meno conosciuta della Toscana.
Siamo all’interno della Riserva naturale di Monterufoli-Caselli in Provincia di Pisa ed inizio a camminare di buon mattino in una giornata fredda invernale ma assolata, partendo dal punto dove il Torrente Ritasso incrocia la strada d’ingresso della Tenuta Villetta di Monterufoli nel comune di Monteverdi Marittimo.
Il sentiero nel primo tratto costeggia un pascolo, ma ben presto si arriva nel bosco e seguendo i segni bianco/rossi si nota la sede dei binari della vecchia ferrovia proveniente da Casino di Terra che fu a servizio della miniera di lignite dal 1850 al 1929 e smantellata pochi anni dopo quando il ferro occorreva per l’industria bellica.
Nei primi tratti della vecchia ferrovia il fiume che scorre sul fianco sinistro, forma delle graziose cascate sino a giungere al “pozzo delle pecore” dove l’acqua si calma e che deve il nome all’uso che ne veniva fatto per il lavaggio degli ovini.
Nel letto del fiume si notano ancora delle barriere in mattoni utilizzate in passato per convogliare l’acqua ad un vecchio mulino “Mulino di Canneto”, ancora visibile, tra la fitta macchia mediterranea, sulla sponda ovest del torrente.
Proseguendo il percorso si giunge nei pressi del primo ponte che permetteva al treno di attraversare il torrente e proseguire la corsa.
Qui il sentiero lascia la sede ferroviaria e scende nel torrente dove dopo 50 metri sarà’ possibile entrare ed attraversare il fiumiciattolo e godere della vista del ponte in mattoni e pietre alto circa 15 metri.
Attraversato il torrente iniziamo a camminare sulla sponda ovest e riguadagnamo la vecchia ferrovia dove si scorge sulla sinistra l’inizio di una sentiero per il Poggio Castiglione, poco dopo troviamo una vecchia casa diroccata detta “Cantoniera del Gaggino” eretta a servizio della ferrovia e dove sino al dopoguerra viveva una famiglia. Guardando dall’esterno il rudere e’ possibile vedere ancora esistente la volta del vecchio forno a legna.
Molto interessante la flora presente in questo punto, muschi e licheni che sono indice di un microclima umido del sottobosco e presenti qua ancora prima della grande era glaciale.
Lungo il percorso si scorgono ai bordi  grosse pietre ben lavorate con evidenti segni di scalpellinature, eseguite dalle maestranze locali durante la costruzione della ferrovia.
Arrivati in prossimità del secondo ponte, ma in ordine di grandezza certamente il primo, si dovrà scendere nel torrente sottostante costeggiando il maestoso manufatto che presenta un arco unico a mattoni per una luce di 20 metri ed in altezza certamente superiore ai 20. Dal torrente si risalirà per la sponda opposta a ritrovare la sede ferroviaria che in questo punto presente affioramenti rocciosi e cumuli di detrito colonizzati da particolare flora erbacea tipica od esclusiva di queste rocce che determina singolari fioriture primaverili, caratterizzate da giallo cuscini dell’Euforbia Spinosa.
Proseguendo sul lato a monte e’ possibile vedere anche alcuni manufatti in pietra e ferro, un tempo a servizio della ferrovia.
Giunti in prossimità del torrente Malentrata, noto per la vecchia miniera di magnesite si oltrepassa il terzo ponte della ferrovia e sino ad arrivare ad una all’interno della quale passava la ferrovia.  Queste rocce magmatiche dette “rocce verdi” furono originate 180 milioni di anni fa sul fondo dell’oceano.
La strada ferrata continua la sua discesa lungo il torrente Ritasso e il trekking continua sino alla frana del Settembre del 1929 che porto’ alla dismissione della ferrovia. Sarà possibile oltrepassare la frana ormai assestata e attraverso il sentiero giungere all’immissiome del Torrente Ritasso nel Torrente Sterza di cui e’ affluente. Sul torrente Sterza guadagnata la strada asfaltata (SP 18 della Prov. di Pisa) si scorgerà un quarto ponte della ferrovia.
Non so’ sino a quando sarà possibile ammirare i ponti di cui vi ho parlato, evidenti crepe e cenni di cedimento si notano in tutti i manufatti che ormai sfidano il tempo da almeno 150 anni ed in totale stato di abbandono da oltre 90 anni.

20140206-005252.jpg